Pacione ed altre storie

Siamo a metà degli anni 80 e la Juve di Platini, campione d’Europa, affronta nei quarti di finale di Coppa dei Campioni il Barcelona che aveva appena ceduto Maradona al Napoli ma che era pur sempre una grandissima squadra. All’andata la Juve aveva fatto la solita partita catenacciara che Trapattoni prediligeva nelle coppe europee, beccandosi un gol a dieci minuti dalla fine. Al ritorno a Torino alla Juve manca il suo centroavanti Serena, oggi telecronista Mediaset ma allora implacabile ariete offensiva. Gli subentra il giovane Marco Pacione, ventiduenne attaccante all’esordio in Europa. La partita inizia con una fuga del laterale offensivo danese Laudrup, oggi selezionatore della Danimarca, che offre a Pacione un pallone solo da adagiare in porta. La palla probabilmente rimbalza male, del resto è un gol che anche il sottoscritto probabilmente riuscirebbe a realizzare, fatto sta che il pallone fila via e Pacione inizia una sequenza di gol sbagliati in quella serata per la quale ancora oggi il popolo juventino ha le convulsioni nel sentir citare il suo nome. Sarebbe bastato che quel pallone corresse liscio sul campo che Pacione lo appoggiasse in rete perché il suo nome si trasformasse in quello di una delle tante meteore protagoniste di una serata, eppure lo sbagliò. C’è qualcosa forse che orienta quei palloni dell’esordio? Quando Del Piero si trovò davanti al portiere della Reggiana il 19 Settembre del 1993 era entrato in campo da un minuto per la sua seconda presenza in Campionato, avendo giocato solo gli ultimi 16 minuti nella prima. Anche lì avrebbe potuto esserci un rimbalzo fasullo, una zolla, un refolo di vento ed invece Del Piero segnò il suo promettente primo gol in Serie A (come sottolinea profeticamente La Stampa dell’epoca). Di come il destino di un giocatore possa essere legato ad un episodio parla anche Nick Hornby in “Febbre a 90” quando parla di Guc Caesar, difensore dell’Arsenal degli anni 80 che compromise con un suo errore la finale della Coppa di Lega che l’Arsenal cedette al Luton.
libertazzi_2009.jpgMercoledì sera la Juve ha affrontato il Lech Poznan sotto una bufera di neve polacca. In una partita in cui tutto è andato storto, i polacchi segnavano alla prima azione offensiva, di lì in poi era un monologo della Juve che sprecava tutto quello che umanamente si può sprecare e forse anche di più, nonostante un Krasic devastante che arava il campo seminando gli avversari come se si fosse in un episodio di Holly e Benji. A pochi minuti dalla fine Iaquinta su assist del magico serbo pareggiava e la Juve si buttava disperatamente sotto per acciuffare il successo che l’avrebbe salvata dall’eliminazione. Era qui che entrava in campo Libertazzi, giovanotto di belle speranze che i sostenitori bianchi e neri più attenti ricordano per un gol impossibile segnato nell’amichevole estiva di Villar Perosa Juve A contro Juve B. C’era un pallone che vagava in mezzo alla tormenta e finiva proprio sulla testa di Libertazzi che miracolosamente si ritrovava senza nessun difensore avversario tra sé e la porta, cercava di colpire il pallone ma la tormenta gli intirizziva il collo, forse il berrettino non lo aiutava e forse nemmeno la neve negli occhi, e conseguentemente il suo colpo di testa diventava appena uno schiaffetto per il pallone rosso che si accoccolava tra i guantoni del portiere polacco. Ecco, un’altra vittima sacrificale, un altro uomo che se non diventerà un campione sarà ricordato per questo.
Se Libertazzi avesse segnato un gol impossibile Mercoledì e ne avesse sbagliato uno facile in un’amichevole estiva il suo destino sarebbe stato forse diverso, ma forse il calcio sceglie quando concedere un pò di fortuna ai suoi figli prediletti e quando negarla ai suoi figliastri e questo forse ha determinato il destino di Pacione. Per quello di Libertazzi c’è ancora tempo di recuperare, ma di sicuro chi ha palpitato per la Juve Mercoledì sera, comunque vada, non scorderà il suo nome.

3 Dicembre 2010

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs