Parlare da solo

Nella mia famiglia ho solo una sorella cinque anni più vecchia di me, pertanto spesso mi sono trovato da bambino a giocare da solo. Ciò probabilmente è stato una concausa della tendenza che fin d’allora ho alimentato, ovvero quella di parlare da solo. Non era un caso di “amico immaginario”, credo fosse soltanto la necessità, quando mi trovavo da solo, di comunicare comunque le mie emozioni ad alta voce, nell’impressione che questo mi consentisse di viverle con maggiore nettezza senza farle affogare nel mare magnum dei pensieri. Crescendo questa prerogativa non si è mai del tutto cancellata e i miei contatti con la psicoanalisi mi hanno convinto che dialogare con sé stesso, narrare a sé stesso la propria storia, sia un modo per comprendersi, per capire, per razionalizzare, per fare le scelte giuste. Forse anche avere un blog è un po’ parlare da solo visto che non hai idea se c’è qualcuno che leggerà quello che stai scrivendo.
Ogni volta che mi sono trovato di fronte ad un problema difficile da risolvere, ad una scelta importante, ad un crocevia della mia esistenza, mi sono seduto al tavolo con me stesso ed ho cominciato a sfidarmi in una discussione aperta circa i motivi che mi legavano ad una scelta o all’altra ed i risultati non sono mai stati deludenti. Capirete allora che è stata per me una bella soddisfazione leggere su Repubblica.it che, secondo uno studio condotto da un gruppo di psicologi canadesi, parlare da soli fa bene, che “Aiuta ad esercitare autocontrollo, riduce i comportamenti impulsivi, porta a sviluppare un migliore processo decisionale“, insomma tutto quanto ho sempre sostenuto.
Parliamoci chiaro i resoconti giornalistici degli studi scientifici hanno l’attendibilità di Tuttosport, ma fa sempre bene che qualcuno ti dica che forse non sei propriamente paranoico.

28 Settembre 2010

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs