Il giorno che cambia tutto

Un bel giorno capita, non si sa bene come e perché, che vieni al mondo. Dopo qualche mese da quel giorno cominci a percepire qualcosa più di semplici impulsi, inizi a vedere attorno a te delle figure che si muovono, quelle figure poi assumono un’identità, scopri che sono delle persone che come te sono nate e sono state bambine e cominci a costruire dentro di te un’idea di quello che sarai tu un giorno. Da allora inizi a confrontare quello che diventi con quelle aspettative, inizi ad elaborare un progetto di te, inizi a identificare qualche traguardo, che traguardo in realtà non è perché la linea d’arrivo si sposterà di giorno in giorno, man mano che butterai lo sguardo un po’ più in là nel tuo futuro. Da allora farai tante cose, molte le farai per te, per essere più affascinante, più intelligente, per vedere più in profondità, per raggiungere quell’immagine di te cui aspiravi, molte altre la farai apparentemente per le altre persone, perché vuoi loro bene, perché vuoi che siano felici, perché le senti vicine e pronte a percorrere una parte o l’intera vita con te, ma in fondo non ti libererai mai dalla sensazione che tutto ciò sia un modo per essere come tu avresti desiderato essere, per rispettare le aspettative che avevi sulla tua stessa persona, per seguire il tuo progetto.
Poi però verrà un giorno in cui scoprirai che un altro progetto è lì che ti aspetta, un progetto che non è più il tuo, anzi è un progetto che ancora deve partire, si deve ancora definire, ma che miracolosamente diventa improvvisamente centrale nella tua esistenza. Ci metterai un po’ a rendertene conto, la confusione e la spaesatezza ti accompagneranno nel soppesare questa emozione, ma alla fine ti renderai conto che tutto è cambiato e che la visuale si è ribaltata. Ciò che davvero conta non è più la costruzione di te, del tuo io, delle tue emozioni, che finiranno spesso in secondo piano, ma la costruzione di un altro io, di un’altra persona.
Quel giorno è venuto proprio oggi.
Benvenuta Matilde!

8 Ottobre 2010

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs