Segni

Metto a confronto la prima pagina di Libero di ieri con un paio di vecchi manifesti di propaganda fascista. L’analogia è chiara e non credo che il direttore di Libero Belpietro, per quanto non sia una cima, non si rendesse conto, quando l’ha approvata, della possibile simiglianza della prima pagina con gli slogan del ventennio.

vincere_berlusconi_libero.jpg anonimovincere.jpg vincere.jpg

Oggi sento che Berlusconi dichiara che non gli dispiace la definizione di Bersani di “capopopolo” e anche questo è un segno del fatto che ormai di fronte a certe definizioni la finta indignazione cede il passo al compiacimento.
A questo punto l’unico segno positivo è il fatto che in realtà a Roma la manifestazione ha avuto una partecipazione deludente ma anche questo, in un mondo mediatizzato nel quale aggiungere uno zero non è assolutamente un problema, sembra essere solo un piccolo incidente di percorso.

21 Marzo 2010

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs