Quando il progresso lo lasciamo fuori dalla porta

Quest’estate, in occasione della partenza per le vacanze, ci era capitato di trovarci a Malpensa nella necessità di un accesso Internet e ci era capitato che all’ufficio informazioni, alla richiesta di dove si potesse trovarne uno, ci rispondessero più o meno come se avessimo chiesto dove potessimo trovare del buon fumo, spiegandoci che gli Internet Point erano stati chiusi dall’anti-terrorismo “perché i terroristi li usavano per organizzare gli attentati“. Al di là dell’intelligenza dell’addetta che così si era espressa, mi era sfuggito il motivo di questa decisione ridicola: ho poi scoperto sul blog di Gilioli questo articolo dal quale ho appreso che la sparizione degli Internet Point è uno dei tanti effetti assurdi del Decreto Pisanu, a causa del peso della burocrazia introdotta necessità di schedare tutti coloro che utilizzavano gli Internet Point. Il decreto scadeva al 31 Dicembre scorso ma è stato recentemente prorogato.
Sono convinto che tra i tanti che si stanno battendo contro il Decreto Pisanu la convinzione diffusa è che la nostra classe politica sia contraria alla diffusione di Internet perché lo considera una fonte di informazione difficilmente controllabile e manipolabile. Io penso che invece il problema sia semplicemente l’ignoranza di chi ci governa, un’ignoranza che ci inchioda ad un condizione di sottosviluppo che è tipica di chi, non conoscendo ciò che gli viene incontro, preferisce le sicurezze del passato all’incertezza del futuro.

17 Febbraio 2010

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs