Sinistri presagi

Devo dire che più di altre volte l’esito delle primarie mi ha stupito, temevo un successo di Bersani ma non nella misura in cui si è verificato. Di quello che, a mio modo di vedere, ciò significa ho già avuto modo di scrivere.
Un particolare che mi ha stupito, e che in qualche modo si intreccia all’esito, è la sensazione che nei due seggi elettorali in cui siamo stati, l’età media di elettori e attivisti fosse davvero troppo elevata. Sono rimasto abbastanza basito quando, entrati al seggio di San Mauro, gli addetti ci hanno accolto dicendo: “Oh, finalmente qualcuno che abbassa l’età media”, per un quarantenne non è niente male. Questo mi è sembrato un sinistro presagio che annunciava un voto che non avrebbe propriamente guardato al futuro più lontano.
D’altra parte conferma di ciò viene dall’analisi apparsa su termometropolitico.it sulla distribuzione del voto per età che non solo evidenzia come il voto a Bersani sia più forte man mano che si cresce nell’età degli elettori ma anche (si ricava con qualche conticino dall’istogramma in fondo alla pagina) che i votanti complessivi ultrasettantacinquenni sono stati circa 4 volte i votanti under 24. Questo non depone affatto a favore della propensione dei giovani alla partecipazione alla politica. Non c’è molto da stare allegri…

27 Ottobre 2009

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs