Fini censurato al TG1?

Da quando si è insediato al TG1 Augusto Minzolini mi è capitato molto raramente di guardare questo telegiornale, non perché non sia interessante, ma semplicemente perché quando decido di guardare il telegiornale lo faccio per informarmi e non per studi sociologici sulla contiguità patologica tra media e politica. Questa sera però per puro caso non mi è sfuggita una chicca del Minzolini: l’ennesima bacchettata di Fini a Berlusconi, a proposito del fuoco di fila di querele contro giornali e giornalisiti, è stata bellamente oscurata dal TG1. Questa la frase di Fini come riportata dal Corriere: «Farò il grillo parlante ma dico a tutti “fermiamoci un attimo”, perchè la china è pericolosa e brutta. La qualità del dibattito che si può alimentare può essere molto più alta di quello che si vede quotidianamente. Se ogni occasione diventa il pretesto o il giustificato motivo per delle randellate verbali, delle querele, delle campagne di denigrazione, alla fine diventa un’ordalia, una reiterazione, una specie di Orazi contro Curiazi a cui l’opinione pubblica non si appassiona». Questo invece il testo come riportato dal TG1 (nel TG lo trovate al 10:20): «Nel nostro paese da un po’ di tempo non si polemizza più tra portatori di idee ma si cerca di demolire la persona, siamo in presenza di un vero e proprio killeraggio delle persone: fermiamoci perché così si va verso una brutta china».
Noterete che dal TG1 la parola querele è sparita: forse è solo un caso che così non si capisca che l’attacco non è solo contro le polemiche tra i giornali ma anche contro Berlusconi stesso? Chissà… O forse magari si scopre che Fini ce l’aveva con Materazzi?

2 Settembre 2009

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs