Ritorno a casa

Anche il viaggio di ritorno non è stato privo di emozioni. Una volta saliti a Reykjavik sul volo che ci avrebbe condotto a Copenhagen, ed attesa inutilmente la partenza, la Iceland Express ci ha comunicato che causa problemi ad un motore la partenza era rinviata fintanto che non fosse stato ripristinato il motore. Lo spettro della perdita della coincidenza già aleggiava su di noi quando invece il meccanico islandese si confermava all’altezza della situazione come i suoi colleghi di Egilsstadir e l’aereo ripartiva con una sola ora di ritardo. L’arrivo a Copenhagen si presentava anch’esso insidioso visto che ci riconsegnavano i bagagli un’ora ed un quarto dopo l’arrivo ma questa volta la coincidenza era salva.
Mi chiedo spesso se non sarebbe davvero più pratico se i passeggeri si portassero i bagagli attraverso i vari controlli autonomamente, piuttosto che tenere in piedi un sistema di ritiro e consegna bagagli che è molto costoso ed è, anche negli aeroporti più nordici, assolutamente inefficiente.
I 40 gradi che ci accoglievano infine a Malpensa ci ricordavano che l’Islanda era lontana e la vacanza era finita.

19 Agosto 2009

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs