Il governo del Tuttosport

In questi giorni vanno in onda ovunque sulla RAI minispot elettorali camuffati e oggi sono capitato su una trasmissione radiofonica di Radiouno del pomeriggio nella quale il commentatore Marco Mensurati (in quota AN) intervistava un deputato di cui mi è sfuggito il nome, qualificato come consigliere del Ministro Gelmini. Costui spiegava le due grandi, per non dire rivoluzionarie, novità introdotte nella scuola quest’anno: le pagelle esposte in tabelloni esterni e le valutazioni espresse in numeri e non più in giudizi, sostanzialmente quello che accadeva quando andavo a scuola io. Che grandi capacità innovative ha il nostro governo…
In particolare l’uomo politico spiegava che la scelta di tornare alle valutazioni numeriche è stata dovuta alla considerazione che i numeri sono di comprensione molto più immediata del giudizi. Vi sareste aspettati a questo punto un riferimento scientifico, magari psicopedagogico, a suffragare questa affermazione. L’onorevole faceva ben di più; chiariva infatti che prova di quanto affermato è il fatto che i giudizi numerici sono utilizzati dai giornali sportivi per assegnare i voti ai giocatori. Non c’è che dire, una fonte di sapere prestigiosa…
Con questa tendenza alla nostalgia il prossimo anno si ripristinerà magari anche un’altra vecchia abitudine della scuola, quella della lettura di un quotidiano in classe, e quale quotidiano se non naturalmente il Tuttosport?

4 Giugno 2009

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs