Internet e censura

C’è un senatore dell’UDC di nome Gianpiero D’Alia che ha avuto il suo momento di notorietà firmando il contestato emendamento 50-bis che permette al Ministro dell’Interno di chiedere agli Internet Provider di oscurare un sito che ospiti contenuti ritenuti sconvenienti. Sentire l’intervista rilasciata a Alessandro Gilioli dà, in modo davvero compiuto, la dimensione della cronica difficoltà di comprendere come è cambiato il mondo con l’avvento di Internet da parte della nostra classe dirigente. Sentire questa intervista dà la chiara idea che alla domanda “Che differenza c’è tra la società pre-Internet e quella post-Internet?” molti tra quelli che gestiscono le leve del potere in Italia non hanno nessuna risposta o forse non si sono nemmeno posti la domanda. Se l’avessero fatto avrebbero probabilmente compreso che censurare Internet così come si fa per altre forme di comunicazione non è semplicemente possibile.
La principale rivoluzione che Internet ha portato in termini di informazione e di libertà di informazione è che oggi chiunque può rendere pubblica la sua opinione, su un blog come questo, così come sui forum, su facebook. L’informazione su Internet, a differenza di quanto accadeva per la carta stampata o per la televisione, non può essere disciplinata, controllata, arginata, sia per motivi tecnici che per motivi di opportunità. Fare un filtro su quanto è reso pubblico su Internet è uno sforzo inutile a meno che non si voglia mettere la briglia su tutta Internet facendoci piombare in un’arretratezza tecnologica e culturale da Corea del Nord. Oscurare un sito come Facebook o Youtube perché ospita contenuti sconvenienti è come revocare la licenza a Tim perché i terroristi usano i telefonini per organizzare gli attentati o come sospendere l’erogazione delle energia elettrica perché qualcuno ha un corto circuito in casa. Bisogna prendere consapevolezza che la società di Internet dovrà e deve essere una società più matura, più pronta ad accogliere opinioni diverse, ad accettare opinioni scomode che urtano il senso comune o che urtano il potere, limitandosi a prenderne atto, a discuterne, a stigmatizzarle, ma rinunciando all’arma della censura che fa parte di un mondo che è diverso da quello di Internet.
La censura ha, nel nostro immaginario, una valenza solo negativa ma censura è anche bloccare la diffusione di volantini neonazisti o testi inneggianti alla pedofilia. In questa o altre modalità però la censura è destinata a diventare un approccio insostenibile. Personalmente sono convinto che la libera circolazione delle idee (anche quelle che trovo inaccettabili) sia comunque positiva e preferibile all’oscurantismo e al controllo delle idee stesse, ma anche chi non condivida questa mia convizione deve prendere atto che questa è la realtà e che alzare le barricate non serve a nulla. Quando la politica capirà che il suo compito è adattare le regole del gioco alle trasformazioni della società e non usare le regole del gioco per alzare inutili barriere contro le trasformazioni stesse, forse riusciremo a reagire al mondo che cambia in modo meno traumatico.

24 Febbraio 2009

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs