Persepolis

Spesso quando ci ritroviamo a discutere di cosa significano, in contesti diversi da quello occidentale, democrazia e libertà, ci dividiamo tra coloro che vedono questi valori come puro prodotto della cultura occidentale, completamente incompatibili con realtà diverse, e coloro che vedono invece democrazia e libertà come valori che solo per miopia altri popoli non abbracciano fin da subito.
Un ottimo esempio di posizione mediata ed equilibrata tra questi due estremi la si può trovare nella sceneggiatura di Persepolis. Il film di Marjane Satrapi, tratto da un’opera a fumetti della stessa autrice, racconta la storia della realtà iraniana attraverso la caduta dello Shah e l’avvento della Repubblica Islamica vista attraverso gli occhi di una famiglia della borghesia locale non ignara di quello che succedeva al di fuori dell’Iran ed in particolare attraverso gli occhi della giovane figlia. La storia ci fa capire cosa vuol dire per una ragazza, pur mai vissuta in occidente, crescere senza mai poter mostrare i propri capelli in pubblico, ma anche quanto sia difficile, una volta espatriati, fare i conti con la crisi di valori della società occidentale. La protagonista fugge da un Iran che reprime la libertà per ritrovarsi in un occidente nel quale i riferimenti a valori e ideali, così preziosi sotto un regime illiberale, sembrano essere diventati superflui.
E allora chi ha ragione e chi ha torto? Forse nessuno. Rimane solo l’essere umano che nella società multiculturale rotola come una palla da biliardo su un tavolo pieno di gobbe e buchi, senza mai trovare una traiettoria certa.

22 Aprile 2008

6 commenti a 'Persepolis'

Iscriviti con RSS or TrackBack ai commenti a 'Persepolis'.

  1. cri afferma:

    Sono pienamente d’accordo con la tua similitudine finale perchè, probabilmente, di globalizzazione non si può parlare, almeno di questi tempi, in termini di valori, ideali e libertà umane. Ad esempio, incuranti, stiamo facendo scomparire anche le api che non riescono più ad orientarsi nei campi coltivati a causa dell’inquinamento e all’atto dell’impollinazione è venuto a mancare sia il profumo dei fiori, sia la brezza che lo diffondeva… Credo che a tutto il mondo stia mancando il profumo di umanità.

  2. bruno afferma:

    A me è piaciuta molto la risposta che Marjane da alle suore quando le rimproverano di essere poco educata…

  3. cri afferma:

    A me è piaciuto molto la delicatezza della nonna nell’uso dei fiori di gelsomino…

  4. Albi afferma:

    @Bruno: Quando dice: “Ed è vero quello che dicono di voi, eravate tutte prostitute prima di farvi suore”?

  5. bruno afferma:

    Sì, ma in francese dice “prima di prendere il velo”….

:: Trackbacks/Pingbacks ::

  1. Pingback di Il Quarantotto e quel che ne seguirà : Il colore del grano - on Ottobre 26th, 2011 at 20:29

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs