Paesi ancora vivi

Ha avuto un esito tutto sommato sorprendente la manifestazione organizzata dai movimenti xenofobi di mezzeuropa a Colonia ed alla quale ha partecipato l’esponente della Lega Nord Borghezio. Al di là della scarsa partecipazione (erano attese non più di 1500 persone, ce n’erano meno di 100) vi è stata una profonda mobilitazione popolare contro la manifestazione. Non parlo dei soliti idioti che sono andati in giro a spaccare e scontrarsi con la polizia, parlo di quanti hanno organizzato un sitin pacifico sulla piazza di Colonia dove era prevista la manifestazione, parlo dei tassisti e di conducenti di autobus che non prendevano a bordo i manifestanti, parlo degli albergatori che si rifiutavano di prendere le prenotazioni, parlo di tutti quanti in vario modo hanno segnalato che comunque la stragrande maggioranza della popolazione di Colonia non la pensava come loro.
Qualche giorno fa parlavo, nella pausa pranzo di una riunione di lavoro, con una signora tedesca rappresentante di una multinazionale telefonica. Non ho potuto non notare quanto orgoglio manifestasse raccontando questo episodio per il suo essere tedesca ed in particolare proprio di Colonia. Allo stesso modo mi ha colpito quanto trasparisse nelle sue parole la vergogna che il popolo tedesco prova ancora adesso, dopo più di sessant’anni, per le atrocità di cui fu complice appoggiando il nazismo. Orgoglio, vergogna: sentimenti che può provare solo chi è ancora vivo, chi ha ancora una coscienza civile. Sono lieto di scoprire che ci sono paesi in cui ciò accade ancora.

2 Ottobre 2008

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs