Italia, terra di costituzionalisti

costituzione-della-repubblica-italiana.jpgCi sono momenti in cui certe professioni entrano in voga e da attività polverose e inaccessibili ai più, diventano passione popolare. E’ il caso dell’attività di costituzionalista che recentemente si è aggiunta a quelle tipiche degli italiani (santi, poeti, navigatori, commissari tecnici eccetera). L’Italicum ha segnato l’avvento alla ribalta di un esercito di costituzionalisti, pronti a spiegarci i rischi della non elettività del Senato e dell’introduzione di un premio di maggioranza del 40 o 37,5 percento. Ogni tanto cerco anch’io di cimentarmi sul tema, se non altro per non essere accusato di infedeltà alla patria, ma rimango essenzialmente un profano dei meccanismi istituzionali e quindi levo un appello ai lettori di questo blog, ed in particolare ai più ferrati nell’ambito dell’architettura istituzionale.
Mi saprebbe qualcuno spiegare quale strana via della Costituzione o della legislazione in vigore porta il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica italiana a decidere quando e a che condizioni si debba sciogliere un Consiglio Comunale? Mi è noto, certo, che esiste il meccanismo del Commissariamento, ma mi risulta che le condizioni per entrare in questo meccanismo non siano al momento presenti al Comune di Roma. renzi-in-tutta-la-sua-profondita.jpgEppure il nostro Premier Renzi ha fatto trapelare con chiarezza quando secondo lui si dovrebbe votare e a che condizioni per il rinnovo del Consiglio Comunale e del Sindaco della Capitale e né lui né il suo entourage, solitamente così attenti alla comunicazione istituzionale, hanno ritenuto opportuno smentire questo pensiero dal sen fuggito. Non vorrei dover scoprire che all’esercito di costituzionalisti di cui sopra sia sfuggito questo non insignificante passaggio a vuoto del Presidente del Consiglio, magari a causa delle vacanze estive. E non vorrei dover parimenti scoprire che gli esponenti del partito a capo del quale sta Renzi, che per anni hanno accusato i loro avversari di analfabetismo istituzionale e disprezzo per la democrazia, abbiano pensato bene che in fondo il disprezzo per la democrazia non è poi così male quando si sta seduti al Governo.

3 Agosto 2015

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs