Fare fact checking con Grillo

Fare il fact checking di Grillo non è un’operazione semplice. Questo non perché sia difficile trovare errori in quello che racconta, ma perché è difficile trovare quelle tracce di verità che ti mettano sulla strada per capire quale possa essere l’equivoco o la forzatura della verità che lo abbia indotto in errore.euro-grillo.jpg
Nel suo tour nei teatri sembra che uno degli argomenti anti-euro proposti sia che i 10 paesi dell’Unione Europea che non hanno l’Euro sono i più ricchi. Fosse anche vero c’è da chiedersi se sono ricchi perché non hanno l’Euro o si sono potuti permettere di non aderire all’Euro perché sono ricchi. Nel secondo caso non sembrerebbe un buon argomento a favore dell’uscita dell’Italia dall’Euro. Il punto è, ma è poi vero?
Parrebbe proprio di no. Ma non dico che non sia completamente vero, dico che sembrerebbe una frase proprio del tutto campata in aria. Mi sono fidato dei pericolosi sinistrorsi di Wikipedia e ho recuperato la classifica (riportata nella tabella sottostante a sinistra) dei paesi UE per PIL pro capite (che solitamente è l’indicatore usato per definire la ricchezza di un paese) scoprendo che il primo paese non-Euro in classifica è la Svezia, quinta, mentre la Danimarca è ottava, il Regno Unito nono. Tenuto conto che un terzo dei paesi dell’UE non ha l’Euro, non trovare alcun paese senza Euro tra i primi tre, potrebbe addirittura indurre qualcuno a concludere superficialmente che quelli che non hanno l’Euro siano più poveri di quelli che ce l’hanno.

 

Nazione Valuta PIL 2012 pro-capite
 Lussemburgo Euro 77958
 Austria Euro 41908
 Paesi Bassi Euro 41527
 Irlanda Euro 40716
 Svezia Corona 40304
 Germania Euro 38666
 Belgio Euro 37459
 Danimarca Corona danese 37324
 Regno Unito Sterlina 36569
 Finlandia Euro 35771
 Francia Euro 35295
 Spagna Euro 30058
 Italia Euro 29812
 Slovenia Euro 27837
 Rep. Ceca Corona ceca 27000
 Malta Euro 26857
 Cipro Euro 26794
 Grecia Euro 24260
 Slovacchia Euro 24142
 Portogallo Euro 23047
 Estonia Euro 21714
 Lituania Litas 21383
 Polonia Zloty 20562
 Ungheria Fiorino 19497
 Lettonia Euro 18058
 Croazia Kuna 17618
 Bulgaria Lev 14103
 Romania Leu 12722
Fonte http://www.imf.org/  
Nazione Crescita PIL procap. PPP 2013-2001
Svezia 48,88%
Germania 45,56%
Austria 43,53%
Finlandia 40,25%
Regno Unito 39,27%
Lussemburgo 35,41%
Belgio 35,27%
Olanda 34,44%
Francia 32,27%
Irlanda 30,59%
Danimarca 29,43%
Spagna 28,31%
Portogallo 20,55%
Grecia 17,64%
Italia 15,05%
Fonte http://www.imf.org

 

Una possibile interpretazione di quanto dichiarato da Grillo potrebbe invece essere fornita da un’altra classifica (nella tabella di destra), ovvero quanto i paesi europei si siano arricchiti da quando c’è l’Euro. Limitando qui il campo ai paesi che già erano nell’UE al 1 Gennaio 2002 si scopre che il paese che più ha visto crescere il suo PIL pro capite è la Svezia, mai passata all’Euro. Sarà forse questo che ha indotto Grillo alla sua temeraria affermazione? Dietro la Svezia ci sono però paesi che hanno aderito all’Euro nel 2002 (Germania, Austria e Finlandia), mentre degli altri paesi non-Euro, il Regno Unito è solo quinto, mentre per la Danimarca la scelta extra-Euro sembra sia stata addirittura una calamità, visto che è soprendentemente in fondo alla classifica, davanti ai soli famigerati PIGS. L’Italia è ultima ma ovviamente immagino la colpa sia tutta dell’Euro, altrimenti saremmo la Svezia, oppure no?
Questo mio post non vuole ovviamente dire una parola sulla diatriba pro-Euro e anti-Euro, anche perché non basterebbero certo due tabelle per dirimere la questione. Vorrei dire qualcosa invece su certi personaggi che racimolano denaro (il biglietto di ingresso più economico per il comizio teatrale di Grillo costava a quanto pare 23 Euro) raccontando fandonie al pubblico. Nel passato sono stato uno di quelli che andava a sentirsi gli spettacoli di Grillo e si beveva pure quello che raccontava, e ci ho messo un po’ a capire che invece andava debitamente soppesato. Sono però contento di notare che attorno a me molti oggi affrontano codesti predicatori con uno spirito critico più sviluppato di quanto mostrato in passato. Magari questo è soprattutto motivato dalla presenza di Grillo in politica, ma se un po’ di questo spirito critico rimanesse anche per altri mistificatori che pure non fondano alcun partito, questo sarebbe uno dei tanti aspetti positivi della nascita del Movimento Cinque Stelle.

6 Aprile 2014

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs