Se vinciamo, tutti in piazza!

balotelli-cassano.jpgIl bello dell’Italia è questo. Siamo arrivati qui tra mille polemiche e divisioni. C’era chi diceva che non bisognava neppure venirci, altri che invitavano a lasciare a casa i giocatori cattivi, altri che “tanto è finto anche l’Europeo”. C’era un calcio scosso dall’esplosione del calcioscommesse, due o tre giocatori di secondo piano che ammettevano di aver truccato delle partite, come se l’ammissione di due o tre assessori di comuni di provincia di aver truccato degli appalti andasse sulle prime pagine dei giornali. C’era perfino chi ne approfittava per scoprire con indignazione che a fine Campionato ci si accorda spesso per fare pari.
C’era ancora chi si indignava per le stelle mostrate e perfino per quelle nascoste, per gli scudetti vinti sul campo o in tribunale, c’erano gli scandali degli uni e quelli degli altri, quelli che dicono che gli scandali propri sono bazzecole e quelli degli altri invece…, e magari non sanno nemmeno di cosa stanno parlando, confondendo il Paolo Rossi giocatore per il comico. C’è poi il solito balletto sui giocatori miei che sono bravissimi e quelli degli altri che fanno pena.
Poi la Spagna ci salva per un pelo battendo con fatica la Croazia, con l’Inghilterra passiamo all’ultimo rigore e imprevidibilmente battiamo anche la Germania. E così siamo di nuovo in finale, tutti insieme, allineati, abbracciati e uniti per la vittoria. E se Domenica vinciamo saremo tutti in piazza, proprio tutti. Quelli che “Buffon è un venduto”, quelli che “De Rossi è uno spacciatore”, quelli che “Balotelli non è italiano”, quelli che “Bonucci doveva tornare a casa”, quelli che “Cassano ha il cuore marcio” saranno tutti in piazza a festeggiare insieme. Ecco, la straordinarietà dell’evento che si verifica in Italia, quando vince la Nazionale, sta proprio nel fatto che per una volta gli italiani riescono a saltare i propri steccati, a lasciare dietro di sé le proprie parrocchie, a far finta di aver superato pregiudizi e rigidità mentali ed a guardare le cose con gli occhi degli altri. Anche se dura solo una notte, un po’ è bello lo stesso, giusto per ricordarci che in fondo è possibile. Forse quello che davvero ci sarà da festeggiare, se Domenica batteremo la Spagna, sarà proprio questo.

29 Giugno 2012

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs