You don’t know who am I

399px-david_cameron_-_world_economic_forum_annual_meeting_davos_2010.jpgC’era un tempo in cui “Lei non sa chi sono io” era un espressione tipicamente italica, indice di arroganza a malcostume e di cui pensavamo di doverci vergognare un poco all’estero. A forza di mandare i loro Premier in vacanza in Italia evidentemente anche i britannici si sono abituati a considerare ovvio e scontato che chi è celebre e potente goda di favori e privilegi, solo così spiega l’improvvisa notorietà della quale ha goduto una cameriera di Montevarchi che ha osato rifiutarsi di servire al tavolo il Primo ministro britannico David Cameron, in vacanza da quelle parti. La cosa che mi ha rammaricato di questa vicenda è il fatto che la cameriera, che diversamente sarebbe diventata un mio idolo, scoperta la cosa, si è affrettata a chiedere scusa dichiarandosi dispiaciutissima della “figuraccia” fatta, non avendo riconosciuto e quindi riverito opportunamente il così celebre cliente.
Di cosa si deve rammaricare mai la nostra Francesca? Di avere trattato Cameron come qualunque altro cliente? Di essersi comportata come sarebbe doveroso che ogni persona si comportasse, senza baciamani e piaggerie verso il potente di turno? Pensate che bello se la nostra Francesca, intervistata da Euronews, avesse detto: “Era il Primo Ministro? E allora? Se non serviamo al tavolo non serviamo al tavolo per nessuno, nemmeno per il Papa”. Lo so, non succederà mai, non in questo mondo, e sicuramente non in questa Italia, ma mi piace tanto immaginarlo…

2 Agosto 2011

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs