Sesso, governo ed informazione

Durante il “No cav day” la comica Sabina Guzzanti ha informato i cittadini di questo disgraziato paese che il più autorevole e noto quotidiano del sudamerica: l’argentino “Clarin” ha pubblicato la notizia secondo la quale il Presidente del Consiglio italiano avrebbe discusso con il suo attuale ministro alle pari opportunità Carfagna, in una conversazione telefonica intercettata, di temi non strettamente politici, ovvero di una pratica di sesso orale che sarebbe stata eseguita con particolare maestria dalla ministra e di cui il Presidente sarebbe stato il beneficiario.
Mi interessa assai poco della vicenda, credo sia un fatto positivo che nel nostro paese per simili cose non si metta sotto accusa un Presidente ed archivierei volentieri la vicenda come un fatto personale dei due se non per un aspetto che trovo particolarmente preoccupante, ovvero l’atteggiamento dell’informazione italiana. Quella stessa informazione che in altri casi non aveva esitato a sbattere in prima pagina i peccatucci di altri politici non si è mossa questa volta di un millimetro ed abbiamo dovuto apprendere dalla Guzzanti che il resto del mondo è al corrente di vicende sul nostro governo che noi ignoriamo.
Trovo sempre più raccapricciante il conformismo e la riverenza verso il potere dell’informazione italiana. Le leggi che limitino la libertà di stampa, come quella che era stata proposta sulle intercettazioni, in Italia sono inutili. La stampa italiana la libertà se la limita da sola.

18 Luglio 2008

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs