Oggi ci sentiamo meno soli

400px-dominique_strauss-kahn_-_strauss-kahn_meeting_in_toulouse_for_the_2007_french_presidential_election_0032_2007-04-13_cropped.jpgCi ero cascato anch’io, lo ammetto. Anch’io mi ero illuso che a Nord dei nostri confini nazionali i grandi leader fossero personaggi tutti d’un pezzo che evitavano di muoversi come un elefante in una cristalleria, che si guardavano le spalle, che parlavano al telefono solo di cose serie e professionali, che se ne combinavano qualcuna un po’ fuori dalle righe, lo facevano dopo essersi assicurati che nessuno li poteva prendere sul fatto.
Premesso che ritengo comunque espressione di scarsa sanità mentale il sentire il bisogno di circondarsi ad ogni occasione sociale di giovincelle disponibili almeno cinquant’anni più giovani di sé, ho sempre ritenuto che la cosa più insana di Berlusconi sia proprio l’incapacità di trattenersi da questa abitudine pur essendo un capo di Governo e quindi sotto l’occhio dei riflettori e sottoposto a possibili ricatti che ricadono poi su un paese intero.
Non posso quindi che considerare altrettanto insano, per quanto il rapporto sia stato consensuale, che un banchiere leader del Fondo Monetario Internazionale rischi la propria carriera per il capriccio di intrattenersi con una sconosciuta cameriera che è entrata nella sua camera d’albergo in un momento in cui era evidentemente particolarmente baldanzoso. Anche se fosse la persona più capace del mondo ad un personaggio simile non affiderei nessuna carica pubblica, tantomeno quella di Presidente della Repubblica. Il fatto che ora, tutto ringalluzzito dalla caduta delle accuse di stupro, e nonostante qualche altro inciampo, Dominique Strauss Kahn provi a ributtarsi nella gara per l’Eliseo, o non depone a favore della sua intelligenza, o non depone a favore di quella dei francesi. Conseguentemente mi viene il dubbio che forse noi italiani nell’autolesionismo con cui ci scegliamo come leader personaggi incapaci di preservare una propria immagine pubblica dignitosa, non siamo poi così soli e che anche questa volta i cugini di oltralpe siano degni emuli dei nostri peggiori vizi.

7 Luglio 2011

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs