Il Tuttosport ribelle

Nei giorni scorsi la Juventus ha emesso un comunicato in cui criticava duramente Tuttosport per aver ipotizzato la sostituzione dell’allenatore Delneri, ipotesi secondo la società priva di fondamento. Visto che i quotidiani sportivi sono costantemente corredati di voci, spesso infondate, sul mercato di calciatori è allenatori, l’impressione è che dietro al comunicato si nasconda una certa irritazione per le critiche pesanti di Tuttosport a Delneri ed alla dirigenza, avanzate nelle ultime settimane. Francamente mi ha fatto discretamente sorridere l’idea suggerita dalla Juventus del Tuttosport come giornale troppo graffiante nei suoi attacchi alla società. Ci sarebbero tonnellate di citazioni di titoli proposti negli ultimi 12 mesi incensanti la nuova dirigenza, la squadra e le sue prospettive, o di prime pagine che sembrano fatte apposta per minimizzare i primi insuccesi. Tra tutte però ne ricordo una che sta un gradino sopra: all’indomani del pareggio in casa contro il Salisburgo che prospettava l’eliminazione dalla Coppa Europa, il Tuttosport aprì il giornale con un titolo il cui livello manipolatorio poteva far invidia a Il Giornale: “Juve, l’Europa porta sfortuna!”. Il messaggio subliminale era: tifosi, non preoccupatevi, siamo eliminati ma è meglio così, perché la coppa porta infortuni, fatica e grattacapi.

prima-pagina-tuttosport-5-11-2010.jpg

Tuttosport è da molti anni un quotidiano con connotazione più provinciale (ed è tutto dire… ) rispetto agli altri quotidiani sportivi ed in particolare dopo Calciopoli e dopo la guerra che i tifosi bianconeri hanno intrapreso contro la stampa italiana, ha ancor più saldamente assunto il ruolo di quotidiano di riferimento di casa Juve. Ovviamente è però vero che le entrate del quotidiano vengono alla fine dalle vendite e il fatto che quindi Tuttosport si sia rassegnato a cavalcare la rabbia dei tifosi, dopo essersi ingegnato in ogni modo per placarla, mi pare appena il minimo che ci si possa aspettare da un giornale che non ha interesse a diventare lo zimbello dei suoi lettori. Che poi oggi la classe dirigente italiana sia talmente abituata ad avere una stampa addomesticata da non tollerare nessuna critica e nessun attacco, seppur parziale e tardivo, non stupisce affatto.

16 Marzo 2011

Non ci sono ancora commenti ma sicuramente tu avrai qualcosa da dire...

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs