La rivolta delle diocesi

aglie_chiesa_parrocchiale.jpgSere fa ero ad un rosario ad Agliè e mi è capitato di sbirciare, affissa in una bacheca in chiesa, una copia del giornale della Diocesi locale, Il Risveglio Popolare. In prima pagina risaltava un editoriale di tale Mario Berardi che si scagliava contro la degenerazione morale del berlusconismo e contro quelli che additano chi si ribella ad essa come “moralisti”. Nell’interno poi c’è un resoconto della manifestazione del 13 Febbraio e in particolare sull’intervento sul palco di Roma di Suor Eugenia Bonetti. Mi capita poi in mano due giorni dopo il settimanale della diocesi di Torino “La voce del popolo” e anche lì trovo un affondo contro il Premier.
Scopro infine che in realtà sono innumerevoli i giornali diocesani in tutta Italia che hanno assunto posizioni intransigenti sulla degenerazione della politica che vediamo in questi giorni. E’ significativo osservare come questa rivolta venga dal basso e non trovi nessun riscontro sui quotidiani a diffusione nazionale dove gli Ostellino, i Romano e i Battista sembrano indifferenti ad ogni scandalo ed alla crescente derisione da parte degli organi di stampa esteri nei confronti del sistema Italia, preoccupandosi invece soltanto di minimizzare e sviare l’attenzione, obbedendo sempre alla antica massima italica di “Franza o Spagna, l’importante è che se magna“.
Nel contempo sentiamo in questi giorni molti osservatori internazionali, alcuni anche solitamente molto disincantati, ripetere che nessuno si aspettava il crollo dei regimi del Nord Africa. Mi viene il dubbio che nessuno se l’aspettasse perché i più sono soliti abbeveravarsi alle fonti sbagliate. Probabilmente parlando di Libia o di Egitto, anche le fonti apparentemente indipendenti trovavano più comodo raccontare una storia di consenso e stabilità che cercare tra le pieghe del sistema i suoi scricchiolii, col rischio di farsi dei nemici e prendere magari una cantonata.
Diciamo la verità: in fondo anche noi, nel nostro piccolo, apriamo ogni giorno i quotidiani e ascoltiamo i notiziari nazionali, nella convinzione che ci raccontino come vanno davvero le cose e invece probabilmente troveremmo una fotografia più autentica della realtà in un bollettino parrocchiale.

28 Febbraio 2011

2 commenti a 'La rivolta delle diocesi'

Iscriviti con RSS or TrackBack ai commenti a 'La rivolta delle diocesi'.

  1. Bruno afferma:

    Da quando vai ai rosari?

  2. Coloregrano afferma:

    Beh, il bravo blogger deve essere ovunque… :-)

:: Trackbacks/Pingbacks ::

Nessun Trackbacks/Pingbacks

Dì la tua

terremoto centro Italia

Ultimi interventi

Archivi

Categorie

Pagine varie

I miei posti preferiti

I miei blog preferiti

Feed su RSS

Meta

Technorati

FB NetworkedBlogs